Da Amalfi a Minori a piedi

Itinerario a piedi lungo la Costiera Amalfitana, da Amalfi a Minori.

Sulla Costiera Amalfitana ci sono sentieri bellissimi che si aggrappano alle ripide coste del monte. Collegano i villaggi e le cittadine della costa secondo un uso che si tramanda da secoli. Attraversano le famose limonaie, lavorate con minuziosità dall’uomo.

map-amalfiDifficoltà: media. Durata: 3 ore circa. Dislivello: 410 metri in salita. 

Partenza: Amalfi. Si raggiunge da Salerno con le autolinee SITA o, in estate, con servizi di aliscafo. Si sconsiglia l’uso dell’auto. Arrivo: Minori. Da cui ad Amalfi con le autolinee SITA. Condizioni del percorso: sentieri e vicoli gradonati.

Dove mangiare: a Ravello, Cumpà Cosimo, via Roma 44,  089.857156. Un libro utile: Julian Tippett, Amalfi e Ravello – Guida agli antichi sentieri, Centro di cultura amalfitana, Amalfi 2002. Contatti utili: Ufficio turistico Ravello, piazza Duomo, 089.857096, www.ravellotime.it

amalfi-panor

A. Si esce da Amalfi (nel disegno, una panoramica del lungomare) sovrastando la strada statale, lungo le scale e i vicoli che salgono alla chiesa dell’antico convento dei Cappuccini, oggi Albergo Luna, e scendono, oltre la punta, verso Atrani.

B. La piazza Umberto I è il centro del piccolo abitato di Atrani. Vi si affaccia la chiesuola di S. Salvatore de Birecto: vi venivano eletti i rappresentanti della Repubblica Amalfitana. Attraversato questo splendido andito, separato dal mare da una cortina di case, si sale, sempre per vie interne, alla chiesa di S. Maria Maddalena, sulla punta orientale della baia di Atrani.

atrani
Atrani

C. Una lunga scala taglia in diagonale la pendice terrazzata. Avvicina le case più alte della frazione Castiglione e poi prende di petto lo sprone di Ravello (via Petrito).

Altri tratti di ripidissime scale fanno guadagnare quota. Le pergole delle limonaie ombreggiano le terrazze, caselli e muretti compongono una fitta trama di paesaggio dove si compendiano armonia e bellezza.

D. A un bivio si lascia la direzione di destra e si costeggia (via S. Barbara) la rupe dove si distende la celebre Villa Cimbrone. Ad essa si accede una volta raggiunte le prime case di Ravello, piegando a destra. La visita è consigliata e si può consumare un panino al chiosco del parco.

E. Dalla piazza del Duomo di Ravello, il percorso scende per via S.Pietro, lungo la cinta di Villa Rufolo. Sottopassata la Porta Donica, si attraversa la rotabile via della Repubblica e si continua in discesa sempre lungo via S. Pietro a Costa. Oltre la chiesa omonima si giunge in vista della frazione Torello, allungata su un contrafforte del rilievo.

F. Si attraversa tutto l’abitato per poi intraprendere la discesa sul versante di Minori. Superato il terrazzo del cimitero si scende ancora fino a entrare nell’abitato. I gradini di via San Giovanni a Mare portano in piazza Umberto I e sul lungomare.

TI POTREBBE ANCHE PIACERE

incanti792_mSi chiama Via degli Incanti proprio perché la sua bellezza lascia incantati. Il sentiero è una ‘alta via’, ma di quelle che si affrontano senza rischi o fatica. Ha una lunghezza ragionevole (26 chilometri) e si può percorrere in pochi giorni, magari durante un fine settimana d’inizio autunno, il periodo più indicato per visitare la Costiera Amalfitana. Dopo Amalfi ha il vantaggio di salire subito e di mantenersi a una quota di 7-800 metri sul mare, fino al suo arrivo a Positano. Quindi visioni mozzafiato sul Tirreno, sulle falesie, sulle limonaie, sulle tipiche case bianche dalle volte a botte. Dai piedi della scalinata del Duomo di Amalfi, l’itinerario imbocca la ‘Via Maestra dei Villaggi’ e s’inerpica sullo sprone di San Lazzaro; poi attraversa l’altopiano di Agerola (o, con una variante, raggiunge le case ‘sospese’ di Furore) e fa capo a Bomerano. Fin qui almeno due tappe, ma di breve gittata, poi una lunga meravigliosa traversata sulle falde dei Monti Lattari, fino ai villaggi di Positano: Nocella e Montepertuso. L’ultima gemma di questa splendida collana si svela nel giorno successivo: da Montepertuso al santuario del Castello e poi, la vertiginosa discesa a Positano. Un modo inconsueto e assolutamente straordinario di visitare e conoscere davvero questo incantato angolo di mondo, lontano dalle auto, sospesi fra cielo e mare.

Albano Marcarini, La Via degli Incanti, Alleanza Ass., Milano 2002, pag. 80, con foto, carte e acquerelli, 4,00 € *

Prezzo vecchio 6,00 € – Sconto del 33 % – Acquista
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...