Savogno, sopra 2886 gradini

Itinerario a piedi nella Val Bregaglia, Alpi Retiche.

Schermata 2015-11-22 alle 15.50.13
Savogno

Per raggiungere Savogno si sale solo a piedi e in verticale. Il villaggio, mai toccato da strade, sta lassù, a quasi mille metri d’altezza su un balcone naturale che guarda la porzione italiana della Val Bregaglia, in Lombardia, a due passi da Chiavenna. La gente del posto lo protegge come un’icona perché, senza le contaminazioni moderne, ha conservato tutto il sapore dei tempi andati: le alte case in pietra con i loggiati in legno, la bella chiesa parrocchiale, le stalle, il torchio per l’uva, le fontane, il forno per il pane. Mancano gli ‘orginari’, cioè le persone che lo abitavano, anche se, alla festa o in estate, sono decine le famiglie che ritornano a vivere le case dei propri avi, fosse solo per un giorno o per una settimana. Mai come in questo caso il ‘piatto forte’ dell’escursione si fa precedere e seguire da altre laute portate. La Bregaglia italiana è la ‘valle delle meraviglie’. La prima viene servita già alla partenza, presso l’abitato di Borgonovo, dove si lascia l’auto. È la cascata dell’Acqua Fraggia che precipita dall’alto gradino roccioso di una ‘valle pensile’, cioè tagliata a mezz’altezza circa 15 mila anni fa da lavorìo erosivo del ghiacciaio. Il sentiero parte proprio da lì sotto con il viso spruzzato dalle gocce polverizzate dell’alto salto d’acqua. La mulattiera di Savogno è strepitosa e non è indecoroso paragonarla a una vera opera d’arte. Una scala continua di 2886 gradini che si appoggia alla roccia. Sulle strette balze coltive ci si rende conto di cosa si viveva un tempo da queste parti: castagne e vino, qualche animale da portare al pascolo. Il villaggio appare solo dopo un’ora, nel mezzo di una radura fra i castagni. Le case, per guadagnare il sole, sono disposte a scalare su per il pendio, con lunghi e stretti loggiati in legno che coprono l’intera facciata. Potrebbe sembrare un luogo angusto ma basta sostare sul sagrato erboso della chiesa, sostenuto da un poderoso muro in pietra, per dilatare lo sguardo non solo sul villaggio, ma anche sul fondovalle, fino a Chiavenna e sulle vette dello Sciora. Nella scuola è stato ricavato un’accogliente rifugio che ospita per la notte o anche per un meritato pranzetto. Con poca fatica l’itinerario si chiude ad anello. Si lascia Savogno dalla parte del camposanto, si supera il torrente Acqua Fraggia e si rimonta l’opposto versante, allietato da una cappella votiva. Non è raro scorgere stambecchi. Poi si guadagna un’altra bella radura, vigilata dalle case di Dasile, altro villaggio montano, in situazione ancor più ariosa e panoramica di quella di Savogno. A questo punto occorre seguire con attenzione le tacche bianco-rosse del sentiero che, sotto la conca del villaggio, scende a valle. Un’infinita teoria di terrazzi in abbandono rivela fino a quali estremi ricorrevano i nostri antenati per ricavare un fazzoletto di terra coltiva. La pietra di granito, scaldata dai raggi del sole, facilita l’acclimatazione di pianticelle rupicole. Il sentiero approda infine al Crotto della Cànoa, tradizionale luogo conviviale, e poi attraversa le case di Sant’Abbondio, frazione di Piuro. Presso la locale chiesetta si trova un piccolo Museo: documenta l’immane frana che nel 1618 portò alla totale rovina il ricco borgo di Piuro, con la morte di quasi mille persone.

Savogno
Case a loggiato di Savogno

Punto di partenza e arrivo: Borgonovo, frazione del comune di Piuro, a 123 km da Milano. Si raggiunge con la superstrada 36 per la Valtellina fino a Colico, quindi con la diramazione per Chiavenna e Maloja (strada statale 37). Borgonovo si trova 4 km dopo Chiavenna. Si parcheggia l’auto presso l’area attrezzata della Cascata dell’Acqua Fraggia. – Tempo di percorrenza:  3 ore. Mulattiera selciata e gradinata. Dislivello: 590 metri. Segnavia: segnalato con tacche bianco/rosse e con cartelli direzionali. Periodo consigliato: da maggio fino a ottobre. Dove mangiare. A Savogno si trova l’omonimo rifugio con ristoro (ottima cucina locale) e alloggio, tel. 0343.34699, savogno@clavis.it. – Da assaggiare, a Prosto, frazione di Piuro, i deliziosi ‘Biscotìn de Pròst’ presso Del Curto, via alla Chiesa 3. Indirizzi utili: Consorzio turistico Valchiavenna, via Consoli Chiavennaschi 11 (presso la Stazione autolinee), Chiavenna, tel. 0343.37485, www.valchiavenna.com – Il Museo degli scavi di Piuro, in località Sant’Abbondio, si visita il sabato e la domenica dalle ore 15 alle 17.

Savogno.map

Itinerario pubblicato su BELL’ITALIA 218, giugno 2004. Aggiornato il 13.12.2009. Una descrizione più approfondita di questo itinerario si trova nella mia guida, DI PASSO IN PASSO, Dal S.Bernardino al Bernina, Lyasis 2006, 248 pag., 18 Euro.

1. Dall’area attrezzata  di Borgonuovo di Piuro, presso la Cascata dell’Acquafraggia, si risale  il torrente sulla sponda idrografica sinistra. Sotto la cascata si devìa a destra verso le case di Sarlone.

2. A Sarlone inizia la salita per Savogno lungo la mulattiera a gradoni. Dopo un primo tratto s’incontrano le Stalle dei Ronchi, usate per la transumanza del bestiame. Vi si può osservare un torchio per la vinificazione risalente al XVIII sec. L’itinerario riprende la salita fra rocce e castagni.

Dasile,jpg
Dasile

3. Dopo aver lasciato la diramazione per Pigione, si giunge sotto la radura di Savogno. Un sentiero, verso destra, sale più diretto al villaggio e spunta sotto la Parrocchiale, consacrata nel 1465 e che conserva il campanile originario.

4. Dopo Savogno si segue la mulattiera per Dasile. Dopo il ponte sul torrente, si torna a salire con bella vista su Savogno.

5. Dasile è al margine di una bella conca di prati. Il sentiero per il fondovalle è poco evidente: scende proprio nel mezzo della conca con segni bianco/rossi.

6. La discesa finisce al Crotto della Cànoa. Prima del parcheggio si attraversa S. Abbondio dove si trova il Museo degli scavi di Piuro.

Schermata 2015-12-08 alle 18.01.28TI POTREBBE ANCHE PIACERE

Dieci escursioni scelte a piedi e in bicicletta con i treni regionali: sul Lago Maggiore, sul Sentiero del Viandante, in Val Bregaglia, sul lago d’Iseo, nel canyon dell’Adda, nel Parco del Ticino, in Lomellina, nel Pavese e nel Lodigiano.

Albano Marcarini, Lombardia, Leonardo Periodici, 2003, 112 pag.con foto, mappe, acquerelli. Formato: 15 x 21 cm, 6,00 € *  –  Acquista.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...