Val di Chiana: dove il fiume perse la via

Facile itinerario in bicicletta nella bonifica della Val di Chiana, in provincia di Arezzo.

La Val di Chiana è una ‘terra’ artificiale, creata con la bonifica e con l’inversione dei corsi d’acqua naturali. Asse di questo sistema idraulico è il Fosso Maestro della Chiana che, in senso contrario, all’andamento altimetrico della piana conduce nell’Arno le acque dei laghi di Chiusi e di Montepulciano, da sud verso nord. Imponenti opere idrauliche, di età medicea e leopoldina, accompagnano il canale facendone un vero museo della tecnica idraulica e della bonifica. Questo anello si sviluppa attorno al tratto centrale del canale.

bonifica-v-di-chiana5
Veduta della Val di Chiana

Difficoltà: bassa. Lunghezza: 14 km. Durata: 2 ore.Dislivello: 35 metri. Condizioni del percorso: strade secondarie asfaltate, pista ciclopedonale sterrata.

Partenza e arrivo: Brolio, presso l’Agriturismo S. Angelo (parcheggio). Brolio è frazione del comune di Castiglion Fiorentino (provincia di Arezzo) e si trova lungo la strada provinciale 27 Castiglion Fiorentino-Foiano della Chiana.

Dove mangiare e dormire: Agriturismo S.Angelo, loc. Brolio, Castiglion Fiorentino, Z 0575.684061, www.s-angelo.it

Indirizzi utili: Apt di Arezzo, p.za della Libertà 1, Arezzo, Z 0575.23952, www.apt.arezzo.it

scansioneA – Dal parcheggio dell’Agriturismo S. Angelo, lambendo la chiesuola della frazione, si giunge all’incrocio con la strada provinciale 27. Si piega a sinistra passando dinanzi al camposanto. La strada scende nella piana avendo sulla sinistra, in posizione panoramica, la Fattoria di Brolio. Qui si avvicina la Colmata di Brolio, tecnica un tempo utilizzata per bonificare i terreni agricoli. In sostanza con le arginature si favoriva il deposito delle componenti solide trasportate dai corsi d’acqua.

chiusa-dei-monaci-1
La Chiusa dei Monaci

B – Giunti all’altezza del ponte sul Fosso Maestro della Chiana, si lascia la strada per seguire la pista sterrata d’argine. È un lungo rettifilo che segue questo corso d’acqua artificiale, scavato dai Medici e dai governanti successivi con lo scopo di liberare dalle paludi la Val di Chiana.

valdichiana4
Casale della bonifica

C – Dopo poco più di 3 km si incrocia una strada asfaltata, presso il ponte ad arco del Dulcinino. Si passa sull’altra sponda del fosso continuando verso nord.

D – Si percorre un’altro tratto dell’argine, oggi denominato Sentiero della Bonifica, fino all’incrocio con la provinciale 23. Qui si volge a destra  verso Frassineto, al cui villa si erge al termine del rettifilo stradale.

E – Dinanzi ad essa si piega a destra iniziando il ritorno (dir. Poggio Rosso). Si serpeggia fra i coltivi (girasole, vigne, frutteti) notando i tipici casali con una torretta centrale. Sulla sinistra, la cornice dei colli di Castiglione Fiorentino.

F – A Poggio Rosso la strada si biforca: si rispetta la direzione di destra (dir. Poggio Ciliegio). Si lambisce il piede dei colli, fra belle campagne e isolate piante di noce. Si passa sullo sterrato e si sbocca sulla provinciale per Castiglione.

lucherinoG – La si impegna verso sinistra vincendo una lieve ascesa. Al primo crocevia, una volta tornati in piano, si piega a destra su una strada secondaria (non segnalata, c’è una santella come riferimento). Si attraversa un piccolo lembo di querceto dove in inverno si potrebbe scorgere il lucherino (nel disegno). La sua presenza è comunque sporadica privilegiando i boschi di aghifoglie di più alte quote.

Dalla sinistra confluiscono due strade: tenendo sempre a destra si torna in vista di Brolio.

TI POTREBBE ANCHE PIACERE

out-paesaggi727_mQuesta guida raccoglie 29 itinerari, distribuiti nei diversi e affascinanti scenari del paesaggio italiano. Si tratta, salvo qualche eccezione, di itinerari facili, alcuni da affrontare a piedi, altri in bicicletta, in genere adatti a tutti senza difficoltà. L’interesse può andare da tradizionali coltivazioni come il castagneto nella Garfagnana, la risicoltura nel Vercellese, la viticoltura nella Val di Sieve a specifici componenti strutturali del paesaggio agrario come le ‘caselle’ del Loanese o le ‘specchie’ del Salento ecc. Un libro del paesaggio italiano.

Albano Marcarini (a cura di -), Itinerari nei paesaggi italiani, De Agostini/Alleanza Ass., 2005, 227 pagine con foto, mappe e acquarelli, formato 13 x 20 cm

10,00 € – Acquista.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...