La Ciclovia Adriatica a Pineto

ITINERARIO lineare in bicicletta lungo la costa adriatica abruzzese.

‘Stessa spiaggia, stesso mare’ cantava negli anni Sessanta Piero Focaccia. Oggi il mare è lo stesso, l’Adriatico, ma le spiagge cambiano perché in bicicletta, lungo la Ciclabile Adriatica, si può trovare ogni giorno una spiaggia nuova. Questa è l’ambiziosa proposta che si sta attuando in questi anni: una pista ciclabile unica da Santa Maria di Leuca al Delta del Po, di quasi mille chilometri! Ne seguiremo un minuscolo ma invitante tratto sulla costa abruzzese, da Silvi Marina a Scerne, attraverso l’Area Marina protetta di Torre del Cerrano.

Adriatica 1

Adriatica 2

Partenza: Stazione Fs di Silvi sulla linea Ancona-Pescara. Arrivo: Stazione Fs di Scerne sulla linea Ancona-Pescara. Il ritorno si effettua con il servizio Treno+Bici di Trenitalia. Lunghezza: 11,8 km Tempo di percorrenza: 2 ore. Dislivello: insensibile. Condizioni del percorso: strade asfaltate, tratti di pista e marciapiedi ciclabili, un tratto su fondo sabbioso. Con bambini è possibile evitare il tratto lungo la strada statale 16 Adriatica, prima della Torre del Cerrano, percorrendo la spiaggia. Periodo indicato: ogni stagione, ma in estate evitare le ore calde. 

Indirizzi utili: Comitato di Gestione AMP Torre del Cerrano, Strada Statale 16, km 431, Pineto, tel. e fax 085.9492322 – www.torredelcerrano.it – Da fare in più: avendo tempo, una volta raggiunta Scerne si può proseguire lungo la Ciclovia Adriatica facendo capo alle stazioni Fs di Roseto degli Abruzzi (più 4 km) o di Giulianova (più 11 km).

Dove mangiare e dormire. Infinite possibilità di alloggio e ristorazione nelle località balneari di Silvi Marina e Pineto.  A Silvi Marina: Hotel Mion**** (Via Garibaldi 22, 085.9350935, www.mionhotel.com), pernottamenti da 45 a 100 euro a seconda della posizione delle camere e della stagione, con annesso ristorante Sanìo.  – Hotel Cirillo*** (Viale Garibaldi 238, 085.930404, www.hotelcirillo.it) con 48 camere direttamente sulla spiaggia, pensione completa al giorno per persona da 54 a 103 euro a seconda della posizione e della stagione.

A Pineto: Albergo Astoria*** (Via A. De Gasperi 1, 085.9490460, www.hotelastoriapineto.com), vicino al centro storico di Pineto, pernottamento in camera doppia da 70 a 115 euro.  – Ristorante Conchiglia d’Oro (Via C. De Titta 16, 0859.492333, www.ristorantelaconchigliadoro.it), cucina di mare di tradizione familiare, pranzo completo intorno ai 40 Euro bevande comprese.

© Albano Marcarini 2016

Silvi Marina è l’appendice balneare di Silvi Paese, posto sulla collina e che ha radici romane con l’antico nome di Castrum Silvi. La visita richiede una deviazione e una salita, ma il perimetro delle mura del centro storico si vede bene anche dalla ciclabile. Uscendo dalla stazione ferroviaria si piega a destra, si percorrono 400 metri lungo la statale 16 Adriatica (Via Roma), poi la si lascia e, a destra, tramite il sottopasso Palestrini si raggiunge il lungomare (Via Taranto); si piega a sinistra e lo si percorre fiancheggiando il mare.

Silvi.ALta322.LR
Silvi Alta

Al termine della ‘marina’, un ponte ciclabile scavalca il torrente Cerrano, presso la foce nel mare. Secondo gli storici qui si trovava il porto di Atri (Hatria), cittadina dell’entroterra, dove si svolgeva un intenso scambio commerciale con la Puglia e la Sicilia. La fascia litoranea dell’area marina protetta di Torre del Cerrano inizia qui: si estende per 7 chilometri e si protende nel mare per circa 3 miglia nautiche. Al di là del ponte si prosegue lungo la stretta via che costeggia la pineta litoranea fino a quando si è obbligati a voltare a sinistra e a tornare sulla strada statale Adriatica. Qui si tiene a destra, lungo la larga banchina ciclabile.

Rotonda sul mare a Silvi
Rotonda sul mare

Prima di raggiungere la torre del Cerrano, che si delinea in fondo, si piega a destra sottopassando la ferrovia e, poi, di fronte alla spiaggia, a sinistra, verso l’accesso alla torre. Pensatela come la fareste sulla sabbia se tornaste un momento bambini: quadrata, ma con forti contrafforti, a piani sovrapposti, e con un torrino sommitale dove s’innalza un pennone. Fu utilizzata nel XVI secolo dagli spagnoli come baluardo contro le scorrerie piratesche. Oggi ospita il Centro di Biologia Marina con attività di ricerca e un intenso programma di educazione ambientale La parte successiva dell’itinerario si svolge lungo la duna litoranea. Qui si ammirano le specie vegetali amanti della sabbia (psammofile, in termini scientifici) in grado di sopportare alti livelli di salinità. Vicino alla battigia ecco il ravastrello marittimo; più arretrata, sulla duna, la gramigna delle spiagge, l’erba medica marina e il vilucchio marittimo ma anche le specie spinose come l’Eryngium marittimum e l’Echilophora spinosa. Raro, ma presente il bellissimo giglio di mare. Le pinete conferiscono infine la veste arborea con il pino da pinoli e del pino d’Aleppo. La duna del Cerrano è importante anche come stazione per la nidificazione del fratino, piccolo uccello migratore, qui presente da aprile, quando depone le uova, fino a settembre inoltrato.

Torre.Cerrano323.LR
La Torre del Cerrano

L’itinerario transita all’interno del giardino della torre (in caso di chiusura occorre passare con la bicicletta a mano lungo la spiaggia), poi si continua sullo stradello in parte sabbioso che corre fra la spiaggia, fortunatamente poco contaminata dalle strutture balneari, e la pineta. Le fila ordinate dei pini lasciano intuire il loro impianto artificiale che fa da diaframma tra il mare e l’abitato. Dopo buon tratto nella pineta si esce all’inizio della pista ciclabile di Pineto, parallela alla ferrovia. Sulla destra, la linea di costa.

Spiaggia Roseto A.
La spiaggia di Pineto

Il toponimo Pineto è di epoca recente, fino al 1927 il paese si chiamava Villa Filiani, ma fu l’intensa opera di rimboschimento, avviata negli anni Venti da Luigi Corrado Filiani, a suggerire la modifica a dispetto del vanto personale di possedere un nome di luogo proprio. Non estraneo alla vicenda anche un omaggio a Gabriele D’Annunzio, autore nel 1902 della lirica ‘La pioggia nel Pineto’. Parte dell’edilizia cittadina si ispira a quel periodo storico, con villini e palazzine dall’accento eclettico o floreale.

Giunti all’altezza del centro sportivo si continua lungomare superando su un ponte ciclo-pedonale il torrente Calvano. Si continua sul Lungomare dei Pini (marciapiede ciclabile). All’altezza di Via Piemonte si piega a sinistra e, prima di sottopassare la ferrovia, a destra. Si prosegue, per buon tratto, lungo la strada parallela alla ferrovia. Dinanzi all’ingresso del camping di Villa Fumosa si piega a destra e si inizia a percorrere un tratto di pista ciclabile lungomare in uno spazio aperto, privo di costruzioni. Si giunge alla rotonda sul mare di Scerne. Qui si lascia la ciclabile volgendo a sinistra verso la vicina stazione Fs tramite la quale, utilizzando il servizio Treno+Bici si può fare ritorno a Silvi.

La ciclovia adriatica

Fa parte del progetto Bicitalia, promosso dalla FIAB (Federazione italiana amici della bicicletta), inteso a creare anche in Italia, come in molti altri Paesi europei, una rete ciclabile protetta dalla viabilità motorizzata. La Ciclovia Adriatica, classificata con il numero 6, è una delle spine portanti sviluppandosi da Ravenna a Santa Maria di Leuca per quasi 1000 chilometri. Utilizza tronchi di piste ciclabili balneari, realizzati in questi anni sui lungomare. L’intento è di unire, senza soluzioni di continuità, questi interventi in modo da offrire ai cicloturisti un tracciato alternativo alla statale Adriatica. L’ostacolo maggiore riguarda il superamento dei molti corsi d’acqua defluenti verso il mare, per i quali occorre provvedere con ponti, passerelle ecc. e i tratti ostruiti da campeggi, villaggi vacanze, villaggi residenziali ecc. Fra i tratti già realizzati si segnalano quelli da Pesaro a Fano, da Cupramarittima a S. Benedetto del Tronto, da Alba Adriatica a Giulianova e da Montesilvano a Francavilla al Mare passando per Pescara. Di grande importanza sarà il recupero a ciclopista dell’ex-ferrovia adriatica lungo la Costa dei Trabucchi, fra Ortona e San Salvo, per oltre 50 chilometri di percorso.

cartolinaPARTI CON UNA BUONA GUIDA… FAI IL PRIMO VIAGGIO SU GUIDEDAUTORE.IT

Le guide di Albano Marcarini per i tuoi viaggi a piedi e in bicicletta.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...