Bismantova: la pietra del Purgatorio

Itinerario pedonale attorno alla Pietra di Bismantova, nell’Appennino Reggiano.

Visti dall’autostrada, fra Piacenza e Bologna, gli Appennini sono un’indistinta catena di cime azzurrognole. Una solo di loro spicca sulle altre in modo netto ma in strana forma, come fosse un tronco di quercia tagliato alla base, una cima tabulare simile alle ‘mesetas’ del Far West e pareti a perpendicolo, fittamente frastagliate. È la Pietra di Bismantova piantata nel mezzo dei rilievi reggiani, laddove le colline cominciano a diventar vere montagne. Nei secoli ha stupito molti. Viandanti sulla via di Garfagnana che la usavano come inconfondibile punto di riferimento, scrittori e poeti, come Dante che, paragonandola a una vetta del Purgatorio, affermò a chiare lettere che arrivar lassù è possibile a condizione di aver almeno un paio d’ali. Il  nostro obiettivo è di raggiungere la vetta. In effetti a vederla dal basso, la si direbbe un’impresa da climbers provetti. È vero che ci sono almeno una trentina di vie d’arrampicata, ma non c’è dubbio che fra i mille intagli della lunga parete di arenaria ci sono anche facilissimi sentieri. E una volta in vetta sembrerà di aver vinto un ‘quattromila’, perché il panorama di lassù è semplicemente grandioso e sporgersi dall’orlo della rupe dà le vertigini. In auto si arriva fino all’eremo sottostante la rupe, ma è bene partire da più distante approfittando dell’ospitalità dell’agriturismo Il Ginepro, a pochi passi da Ginepreto, frazione di Castelnuovo ne’ Monti.

Pietra di Bismantova.1
La Pietra di Bismantova.

Tempo di percorrenza: 3 ore e 15 minuti. Dislivello: 260 metri. Segnavia bianco/rossi 697 ‘Anello della Pietra’. Per chi: itinerario per tutti, facile sentiero, impraticabile in caso di piogge. Come: abbigliamento da trekking leggero, scorta d’acqua, cappellino. Quando: da settembre al tardo autunno. Dove mangiare e dormire: l’itinerario prende avvio dall’azienda agrituristica Il Ginepro, situata a 5 km da Castelnovo ne’Monti. Prenotando allo 0522.812549 – 611088, è possibile alloggiare in casale con vista sulla Pietra e gustare l’ottima cucina della montagna reggiana. Altri punti di ristoro sono ubicati presso l’Eremo. Informazioni utili: la Pietra di Bismantova si raggiunge da Reggio Emilia con la strada 63 fino a Castelnovo ne’Monti; provenendo da Milano è consigliabile lasciare la A1 a Parma e proseguire sulla strada 513 della val d’Enza fino a Castelnovo. La cittadina ai piedi della Pietra è anche collegata a Reggio Emilia con le autolinee ACT. Indirizzi utili: Ufficio turistico a Castelnuovo ne’Monti, via Roma 33/C, tel. 0522.810430, www.reappennino.it

Bismantova.map

Itinerario pubblicato nella su BELL’ITALIA 198, ottobre 2002 – Aggiornato il 7.1.2010.

1. Dal parcheggio accanto alla chiesuola si seguono i segnavia bianco-rossi del Sentiero Spallanzani, dedicato all’illustre naturalista reggiano. Non si può mancare la direzione giusta, basta puntare verso la Pietra che, vista da qui, sembra un vascello incagliato in un dolce mare di onde verdi, campagne ben tenute con un fastoso corredo di siepi e boschetti. In meno di mezz’ora si è all’Eremo. Il primitivo impianto medievale ha subito varie trasformazioni e oggi appare un po’ artefatto. Di singolare interesse la raccolta di ex-voto della Canonica avente come soggetti fatti miracolosi avvenuti sulla Pietra.

Eremo.Bismantova479
L’Eremo

2. Dei vari sentieri attrezzati si consiglia l’Anello della Pietra che in un paio d’ore consente di apprezzare la montagna sotto diversi punti di vista e anche di toccarne la vetta. Transitando dinanzi al Rifugio della Pietra, un largo sentiero cinge dapprima la base della scarpata poi pian piano ne guadagna il fianco, dalla parte che volge verso Castelnovo ne’ Monti. Una breve rampa, in una fessura della parete, conduce infine alla sommità dove si stendono ampie radure e macchie di noccioli, aceri, roverelle. Pannelli didattici illustrano le singolarità della zona.

Pietra.Bismantova480
La Pietra

3. Contornando l’orlo del ripiano si intercetta l’accesso storico alla rupe, lungo il quale si discenderà. La sagomatura, qualche pietra selciata e le larghe curve ne attestano l’origine medievale quando sulla rupe erano posti un caposaldo difensivo, fondato dai Bizantini, e il nucleo di una pieve con ampie dipendenze territoriali. Rispettando il segnavia 697 il percorso aggira dal basso la punta nord-orientale della Pietra in una zona brulla, disseminata di pietrame, frutto dello sgretolamento della parete arenacea, piuttosto instabile – si parla di movimenti in tempi geologici – perché sovrapposta a un potente letto di argille.

4. Dopo aver avvicinato il sito della necropoli di Campo Pianelli (reperti, non ‘in situ’, della tarda età del Bronzo), il sentiero procede lungo il contorno orientale in un variato contesto di sfasciumi rocciosi e di dolci praterie. Giunti alla strada d’accesso all’Eremo, si riprende la via sterrata per Ginepreto, percorsa all’andata.

Natura.cover033TI POTREBBE ANCHE PIACERE

Questa guida è prettamente ciclistica. Propone dodici itinerari di breve o media lunghezza in vari luoghi della pianura, dal Pavese al Ravennate, dal Polesine al Lodigiano. Nulla di impegnativo e neppure di agonistico. Solo la bellezza di stare all’aria aperta, lungo un fiume o un canale, fra campi e cascine e sulle ciclabili (ancora poche, purtroppo) che già esistono.

Natura d’acqua, Albano Marcarini
Itinerari cicloturistici lungo il Po, Collana Belvedere, Diabasis RE 2006. Pag. 200, formato 15 cm 21 cm, brossura

14,00 € – Acquista

Annunci

Un pensiero su “Bismantova: la pietra del Purgatorio

  1. Bellissimo! Per chi fosse interessato a raggiungere la Pietra di Bismantova in due-tre giorni di cammino, segnalo, come sono riuscito a fare in questi anni “a tappe”, che è possibile effettuare un itinerario di ampio respiro, utilizzando i mezzi pubblici per i trasferimenti. In particolare, dalla Stazione Ferroviaria di Reggio Emilia è possibile prendere il treno (“Ferrovie Reggiane”) per Ciano d’Enza. Da questa stazione (capolinea), inizia il “sentiero Matilde” che passando per il Castello di Canossa (assolutamente da visitare), risale le prime propaggini appenniniche, arrivando presso il Castello di Sarzano (B&B), comune di Casina. L’itinerario prosegue alla volta di Carpineti (Ostello e Castello), per incrociare in quest’ultima località il sentiero Spallanzani, che prosegue lungo un panoramico crinale fino al Monte Fosola. Da qui si scende per risalire alle pendici della Pietra, passando per l’appunto da Ginepreto. Itinerario da non sottovalutare per lunghezza e dislivello (consiglio suddivisione in tre tappe), da evitare durante la calura estiva. Castelnovo nè Monti si raggiunge facilmente dalla Pietra di Bismantova in circa 40 minuti di cammino ed è collegato a Casina e Reggio Emilia tramite autocorse.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...