Con le ciaspole sotto il Catinaccio

11346286-Mappa-politica-d-Italia-con-le-regioni-diverse--Archivio-Fotografico copiaItinerario con le racchette da neve sotto le falde del Catinaccio, in provincia di Bolzano/Bozen.
Bisogna levarsi di primo mattino, quando le ombre della notte coprono ancora i boschi, quando la neve compatta dal freddo sostiene i vostri passi. Bisogna essere al punto giusto al momento giusto, quando uno sbuffo di vento dà una spolverata al pendio e quando la luce radente del sole illumina  la neve di minuscoli cristalli.

Catinaccio da Frin045È in quel momento, forse, che si intravede fra gli abeti la sagoma grigio-bruna di un cervo. Un incontro straordinario e fugace anche perchè l’inverno non è la stagione ideale. Molto più facile scorgerlo a fine estate quando l’animale è distolto dalle bramosie amorose e appare meno guardingo. In questo caso invece, grazie alle sue pupille allargate che gli permettono di vedere bene, l’animale, dopo un attimo di esitazione scompare fra gli alberi, su per il pendio.

Sono queste le emozioni lungo i sentieri invernali della conca di Costalunga, in Alto Adige, alle pendici del Rosengarten, o Catinaccio. La natura trionfa in questi luoghi che sono stati per molto tempo, agli albori del turismo, il rifugio privilegiato di principi, nobildonne, artisti, scrittori, a cominciare dalla bellissima Sissi, imperatrice d’Austria, per finire con Agata Christie. Erano tutti usi ad alloggiare al Grand Hotel Carezza, inaugurato nel 1896 su iniziativa dell’intraprendente Theodor Christomannos, avvocato greco, deciso propugnatore dello sviluppo turistico alpino.

L’ESCURSIONE. Si effettua con le ciaspole su una distanza di 9,8 km e un dislivello di 255 metri. Si parte e si arriva al Grand Hotel Carezza, situato lungo la strada statale 241, a 26 km da Bolzano verso il Passo Costalunga. CONTATTI: Associazione Turistica Nova Levante-Carezza,  0471.613126, www.nova-levante.com – Per altre passeggiate con le ciaspole: Centro d’Alpinismo Catinaccio, Erich Resch (Guida alpina), Vicolo del Mulino 12 A, Nova Levante, 0471.613487, www.berge-erleben.com

I RISTORANTI – Rifugio Duca di Pistoia/Tscheinerhütte (ai Prati di Colbleggio, 1774 m, 0471.612612, tel. 347.2722180). Curioso connubio di cucina romagnola e specialità altoatesine. Sempre aperto con 6 posti letto. – Moseralm. (Carezza, Via Bellavista 8, tel. 0471.612171, www.moseralm.it.). Per un ristoro o per un soggiorno in mezza pensione.

GLI ALBERGHI – Pension Simhild (Carezza, via Bellavista 1/c, tel. 0471.612169, www.simhild.com) Tranquilla e ideale per un lungo soggiorno invernale. – Hotel Gasthof Frommeralm (Carezza, via Nigra 14 tel. 0471.612184, www.frommeralm.com)In panoramica posizione alle falde del Catinaccio. – Angerle Alm (Carezza, Via Christomannos 50, tel. 0471.612224, www.angerlealm.com). Passeggiate a cavallo e in slitta. 

Carezza

Questo itinerario è stato pubblicato su BELL’ITALIA, gennaio 2010. – © 2016, Albano Marcarini.

Ed è dallo spalto verde di questo sontuoso albergo che parte l’escursione con le ciaspole. Alle sue spalle supero il ruscello, e piego a sinistra lungo via Bellavista. Lascio la zona abitata di Carezza seguendo il sentiero che l’imperatrice Sissi frequentava abitualmente. Passo oltre la solitaria, e per questo tranquilla, Pensione Simhild. Scendo fra abeti e larici fino alla radura di Franzin. Guardo ogni tanto il rassicurante segnavia: finora ho seguito il 6, ma ora lo lascio per rimontare il prato stando vicino al rio, coperto di lastre di ghiaccio.

Ora raggiungo i pali di uno skilift. La marea degli sciatori è ancora lontana e mi godo questo momento di felicità con tutta la catena di guglie e di creste che mi si para dinanzi. Una barriera insuperabile che solo provetti alpinisti conoscono e dominano a piacere. Non a caso il termine ladino di Catinaccio, ovvero ‘ciadenac’ significa ‘grossa catena’.

IMG_2443
In cammino, con poca neve.

La Moseralm è un accogliente albergo dove sorseggiare un thè caldo. Poi stando sempre accanto al rio, attraverso le bianche praterie di Oberputzer, riconosco la strada forestale e con qualche tornante raggiungo la balconata di Frin, superbo belvedere sulle montagne dell’Alto Adige, fino all’Ortles e al Gruppo di Tessa. Un bivio immette sul sentiero che reca un curioso segnavia con la lettera T. Rimontando la pendice fra belle malghe in legno, eccomi spuntare sulla rotabile del Passo Nigra, in inverno priva di traffico.

IMG_2467Dopo pochi passi raggiungo il Rifugio Duca di Pistoia, altro punto di ristoro a circa meta della passeggiata. Di fronte incombe la Roda di Vael – la Rote Wand degli altoatesini – in bella evidenza. Vuole la leggenda che fosse la reggia di Re Laurino. Vi coltivava un meraviglioso roseto, il Rosengarten appunto, nome tedesco del Catinaccio.

Ora il percorso, a mattino ormai fatto, fa ritorno verso Carezza utilizzando la strada rotabile. Con le ciaspole posso però percorrere il parallelo, ma più alto, sentiero C1 che collega il Passo Nigra al Passo di Costalunga. Si tratta dell’antica via mulattiera che tocca diversi alpeggi, posti alle falde dell’ardita parete di roccia.

Raggiunto il primo impianto di risalita abbandono il segnavia C1 e, scendendo i campi di neve rientro nella zona residenziale di Carezza e al Gran Hotel, da dove ero partito. Ora mi riposo e ho tutto il tempo per attendere il tramonto quando avviene il suggestivo fenomeno dell’enrosadira, l’arrossamento delle rocce del Catinaccio. Re Laurino, fatto prigioniero per il rapimento della principessa Similda, pronunciò una formula magica per togliere alla montagna la sua luce incantata… ma si dimenticò del crepuscolo. Ecco perché il Catinaccio si colora di rosso alla fine del giorno.

Schermata 2009-12-12 a 18.58.22

 

Per altre idee, itinerari, escursioni a piedi e in bicicletta naviga su

www.guidedautore.it

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...